Il polo dell'export del Gruppo Cdp all'Assemblea dei Giovani Imprenditori di Sistema Moda Italia

Andrea Novelli, Ad di SIMEST, ha affrontato il tema della “Finanza come driver per la crescita e l’internazionalizzazione”. Il settore, secondo l’analisi di SACE, continua a evidenziare buone prospettive di medio-lungo termine nei mercati extra-europei

Il polo dell'export del Gruppo Cdp all'Assemblea dei Giovani Imprenditori di Sistema Moda Italia
29 November 2016

Milano, 29 novembre 2016 - L’Amministratore delegato di SIMEST, Andrea Novelli, ha preso parte oggi all’Assemblea dei Giovani Imprenditori di Sistema Moda Italia, un settore che continua a presentare buone prospettive di crescita estera nel medio-lungo termine; questo grazie al tratto distintivo del Made in Italy  -  senza concorrenti al mondo in fatto di artigianalità e creatività -  alle opportunità offerte dai mercati extra-europei e a un approccio evoluto nelle strategie di internazionalizzazione.

Secondo le previsioni di SACE, saranno le performance dell’alto di gamma di tessile, abbigliamento e gioielli a trainare la crescita dell’export italiano di beni di consumo nel prossimo triennio (+4%), con opportunità concrete in un insieme diversificato di mercati avanzati ed emergenti, come gli Stati Uniti, la Cina, gli Emirati Arabi Uniti e i Paesi del Far East.

Novelli è intervenuto sul tema: “La Finanza come driver per la crescita e l'internazionalizzazione “, sottolineando il ruolo che SIMEST e SACE, unite nel Polo italiano per l’export e l’internazionalizzazione del Gruppo Cdp, possono giocare nel favorire lo sviluppo all’estero delle imprese nazionali del Sistema Moda Italia.

Grazie all’unione tra le due Società, le aziende hanno oggi un interlocutore unico attraverso cui accedere a una gamma completa e sinergica di prodotti e servizi assicurativo-finanziari per rispondere alle diverse esigenze connesse all’internazionalizzazione: accesso a finanziamenti; agevolazioni sui tassi d’interesse; assicurazione delle vendite dal rischio di mancato pagamento; partecipazione al capitale per piani di sviluppo esteri; sostegno e protezione degli investimenti esteri; garanzie fideiussorie per gare e commesse; anticipazione dei crediti  vantati verso i clienti italiani ed esteri tramite il factoring.

Novelli ha quindi ricordato quella che-  ad oggi - è stata l’attività di SIMEST nel settore:

  • per quanto riguarda l’investimento in equity, nel corso della sua operatività, SIMEST ha acquisito 100 partecipazioni relative ad aziende del Sistema Moda, per 71 milioni di euro, a fronte di investimenti complessivi per 855 milioni di euro e un capitale sociale delle imprese partecipate di oltre 574 milioni di euro. Gli investimenti sono stati diretti verso 31 diversi Paesi, con la prevalenza di Romania (15), Cina (13), Ungheria e Bulgaria (8, rispettivamente), Tunisia (7), Slovacchia, Croazia ed Egitto (4, rispettivamente). I settori rappresentati dono stati: Confezioni: (42 partecipazioni), Lavorazione fibre tessili (40), Pelletteria e Calzature: (13) Gioielleria e Occhialeria (5).  Le partecipazioni attualmente in portafoglio sono 14, per un investimento di SIMEST di 22,4 milioni di euro.
  • sul fronte degli incentivi all’export, sono stati effettuate 116 operazioni per 208 milioni di euro.
  • per quanto riguarda, infine, i finanziamenti per l’internazionalizzazione, le operazioni riguardanti il Sistema Moda sono state 342, per circa 300 milioni di euro.

 

SIMEST e SACE sono le società del “Polo italiano per l’export e l’internazionalizzazione” del Gruppo Cassa depositi e prestiti:

  • SIMEST, società per l’internazionalizzazione delle imprese italiane, è controllata al 76% dalla SACE ed è partecipata da primarie banche italiane e associazioni imprenditoriali. SIMEST interviene in tutte le fasi dello sviluppo estero delle imprese italiane, con finanziamenti a tasso agevolato a sostegno dell’internazionalizzazione, con contributi agli interessi a supporto dell’export e attraverso l’acquisizione di partecipazioni.  www.simest.it
  • SACE offre servizi di export credit, assicurazione del credito, protezione degli investimenti all’estero, garanzie finanziarie, cauzioni e factoring. Con € 81 miliardi di operazioni assicurate in 198 paesi, SACE sostiene la competitività delle imprese in Italia e all’estero, garantendo flussi di cassa più stabili e trasformando i rischi di insolvenza delle imprese in opportunità di sviluppo. www.sace.it
Stampa