Fondazione E4Impact e SIMEST insieme per promuovere progetti imprenditoriali e di sviluppo in Africa

Sostegno a nuove imprese, formazione, scambio di informazioni, finanziamento di programmi di assistenza tecnica e, ancora, organizzazione di eventi a sostegno degli investimenti. E’ particolarmente ampio lo spettro di attività che Fondazione E4Impact e SIMEST si apprestano a promuovere congiuntamente attraverso l’accordo di collaborazione siglato in questi giorni.

18 April 2016

Il memorandum permetterà di unire le competenze maturate dalla Fondazione presieduta da Letizia Moratti, da tempo attiva sul fronte della formazione manageriale in Africa, con quelle della società del gruppo Cassa depositi e prestiti specializzata nel supporto all’internazionalizzazione delle imprese.

L’obiettivo è sostenere con ancora maggiore slancio una serie di attività comuni in territorio africano che hanno come fine la generazione di sviluppo imprenditoriale e di opportunità di investimento per le aziende italiane.

“Per troppo tempo il sostegno al percorso di sviluppo economico africano è passato esclusivamente per l’assistenzialismo – osserva Letizia Moratti, presidente di E4Impact –. Quel continente, invece, va sostenuto facendo sì che si possano creare le condizioni per una crescita economica autonoma. Questo è sempre stato l’obiettivo della Fondazione. Siamo felicissimi di poterlo condividere con una realtà qualificata come SIMEST”.

“Con la firma di questo accordo - conclude Andrea Novelli, AD di SIMEST - desideriamo dare un ulteriore impulso allo sviluppo di progetti di aziende italiane, soprattutto piccole e medie, in Africa, un continente con grandi potenzialità di crescita in molti settori, contribuendo positivamente allo sviluppo non solo economico ma anche culturale di quel continente”

E4Impact Foundation

Lanciata nel 2015 da Securfin, Mapei, Salini-Impregilo, Università Cattolica del Sacro Cuore e Associazione Always Africa, favorisce lo sviluppo sostenibile delle economie emergenti supportando la formazione di imprenditori ad alto impatto sociale e ambientale.

Stampa